PubblicAzione-Newsletter. Anno VII, N. 34/2018 09 novembre 2018

Da cancellare

Contro il disegno di legge Pillon sull’affido condiviso sabato 10 novembre è mobilitazione

9 nov. – Domani l’Italia scende in piazza per fermare il disegno di legge Pillon sull’affido dei figli di genitori separati. In Lombardia queste le piazze segnalate dal Comitato NOPillon e a cui parteciperà anche la Cgil: Bergamo (piazza Matteotti, davanti al Municipio, ore 10), Brescia (corso Zanardelli, ore 16), Crema (piazza Duomo, dalle 10 alle 12), Milano (piazza della Scala, dalle ore 15), Varese (piazza del Garibaldino, ore 17).
Ma che cosa si contesta a questo provvedimento? Di far venir meno la centralità delle figlie e dei figli, fatti rimbalzare – e a prescindere dalla loro età, anche se neonati, per intenderci - per un pari numero di giornate tra la casa della madre e quella del padre, e di rappresentare un arretramento storico per i diritti delle donne. Perché? Perché disincentiva dal separarsi e divorziare chi ha meno possibilità economiche, eliminando l’assegno di mantenimento per i figli e con la mediazione obbligatoria a pagamento. Le donne, appunto, che se lavorano (in Italia, il 49%) sono penalizzate da stipendi di solito più bassi, oltre che da quelle attività di cura da cui sono a prescindere – e di solito senza mediazioni! - gravate. Le donne, anche quelle che provano a salvarsi da un compagno violento, che con questa legge avrebbero l’obbligo di coinvolgere un professionista, da pagare profumatamente (salvo che al primo incontro), per evitare di farlo! È pericoloso, al punto che la Convenzione di Instabul, lo strumento giuridico europeo sulla prevenzione e la lotta alla violenza sulle donne e la violenza domestica, vieta di usare la mediazione familiare obbligatoria. È pericolosa anche l’introduzione dell’alienazione parentale, per cui se un bambino si rifiuta di stare con un genitore, ad esempio un padre appunto violento, la colpa per legge ricade sulla madre. “I figli e le figlie diventeranno ostaggi di un costante negoziato sotto tutela per far funzionare il mantenimento diretto a piè di lista e il piano genitoriale con doppio domicilio” scrive su Facebook la Cgil nazionale. “La stessa Onu si è schierata contro questa riforma del diritto di famiglia, che peraltro fa parte di un pacchetto intero di disposizioni in materia volto a ridurre materialmente, e non solo, i diritti delle donne e la loro tutela. Ma del ddl Pillon è doveroso pure rilevare che discrimina anche le nuove famiglie, quelle dove ci sono due madri o due padri: discrimina, perché non ne tiene minimamente conto. E non è civile” ribadisce una volta di più Manuela Vanoli, segretaria generale Fp Cgil Lombardia. Questo disegno va assolutamente cancellato!

Sanità MB / Palvarini (Fp Cgil): bisogni complessi necessitano di risposte integrate

Continua la campagna di sensibilizzazione dei sindacati brianzoli per migliorare l’organizzazione del servizio sanitario territoriale, tenendo insieme i nuovi bisogni dell’utenza e le necessità degli operatori

Continua a leggere >

#ContrattiamoDiritti / Chiaramonte (Fp Cgil): Lavoro pubblico, investimento top per il paese

A Milano, ieri, uno dei tre attivi interregionali unitari per migliorare le Pa e cambiare la legge di bilancio

Continua a leggere >

Dl Sicurezza / Panella (Fp Cgil): ‘dissenso verso un provvedimento che non migliora nulla’

Per il coordinatore della Lombardia, regione che peraltro coglie già i primi frutti avvelenati del decreto, servirebbero interventi strutturali non azioni sensazionalistiche e a spot

Continua a leggere >

Cooperative sociali / Verso la mobilitazione

Il punto dall’assemblea nazionale unitaria dei quadri e delegati del 6 novembre

Continua a leggere >

#PuntoContratti / Aggiornamenti dal tavolo Anffas

Prossimo incontro fissato al 4 dicembre

Continua a leggere >

Innovare la contrattazione decentrata in Lombardia

Da una tesi sui comparti enti locali e sanità a una banca dati apripista per rispondere con nuovi strumenti alle sfide future della contrattazione

Continua a leggere >

XiFpCgil Lombardia / Vanoli riconfermata segretaria generale

Votata con il 92,70% dei consensi, la dirigente sindacale guarda all’imminente appuntamento di domani, l’assemblea interregionale a Milano ‘Contrattiamo Diritti’

Continua a leggere >

Comune di Sesto SG: avviato il pre-dissesto

Bonfanti (Fp Cgil Milano): niente alibi, vigileremo su occupazione e servizi

Continua a leggere >

XiFpCgil Lombardia / Sorrentino: le nostre proposte, un manifesto alternativo al programma di governo

La segretaria generale nazionale ha chiuso gli interventi al congresso regionale lombardo Fp

Continua a leggere >

XIFpCgil Lombardia / Vanoli: lavoro pubblico per lo sviluppo del paese

Partita la due giorni congressuale della categoria regionale. La relazione della segretaria generale uscente

Continua a leggere >

Vigili del Fuoco / Fp Cgil: maltempo pagato dai cittadini e dai lavoratori

Il coordinatore nazionale Giulianella: “È arrivato il momento che il governo dia ‘concretezza’ alle parole dette fino a oggi”. Il coordinatore lombardo Ferrari: “chiediamo rispetto per i cittadini e per noi”

Continua a leggere >

#PuntoContratti / Aggiornamenti dal tavolo della sanità privata

Il 13 e 14 novembre il prossimo confronto con le controparti

Continua a leggere >

Medici e dirigenti Ssn: un unico sciopero il 23 novembre

"Colpire la sanità è colpire la salute"

Continua a leggere >

Agenda sanità 2018

Presentata ieri a Milano la piattaforma unitaria con le proposte dei sindacati per migliorare il sistema sanitario lombardo. Creston (Fp Cgil Lombardia): subito un piano di assunzioni straordinario

Continua a leggere >

Contrattiamo diritti. Leggi, vota e partecipa!

Al via la consultazione 2.0

Continua a leggere >

Ice / Una petizione per l'Europa che accoglie

L’iniziativa dei cittadini europei è sostenuta anche dalla Cgil. Obiettivo per l’Italia: 54.700 firme da raccogliere entro gennaio 2019

Continua a leggere >
*|REWARDS|*