Cerca

Sesto SG / Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl di Milano denunciano il Comune per condotta antisindacale

Troppe, secondo le tre sigle, le violazioni al contratto collettivo degli enti locali in materia di relazioni sindacali
12 mar. – “Da quando si è insediata, la nuova amministrazione ha messo continuamente in atto comportamenti lesivi delle corrette relazioni sindacali. Non si tratta di un singolo episodio, in più occasioni il Comune ha violato la normativa in materia di informazione, confronto, contrattazione”. Così Alexandra Bonfanti, segretaria della Fp Cgil Milano, spiega perché la categoria insieme a Cisl e Uil ha deciso di denunciare il Comune di Sesto San Giovanni per condotta antisindacale. Per citare alcuni episodi: convocazione, da parte dell’amministrazione, di incontro sindacale con invito delle sigle non firmatarie del contratto nazionale, che però non sono titolate per legge a discutere di contrattazione decentrata. Convocazioni talmente repentine che i rappresentanti sindacali non potevano partecipare alle riunioni convocate da un giorno all’altro, per mancanza di preavviso e impegni già presi. Mancato coinvolgimento dei sindacati sulla situazione contabile del Comune, che invece aveva convocato tutti i lavoratori bypassando i loro rappresentanti sindacali. Sono solo alcuni dei fatti accaduti che hanno spinto Cgil, Cisl, Uil a depositare ricorso presso il Tribunale di Monza. L’'assenza, o come in questo caso, la violazione delle regole – sottolineano le tre sigle - non può che avere come unico scopo lo spostamento del potere decisionale nelle mani dell'amministrazione comunale. Un 'amministrazione comunale, che tentando in tutti i modi di escluderci dal tavolo sindacale, dimostra di avere paura di interlocutori che non fanno sconti, e che da sempre chiedono trasparenza nelle decisioni ed equità per tutti i lavoratori e le lavoratrici dell'ente. Convintamente quindi proseguiamo nel rivendicare un ruolo che sia di garanzia e trasparenza nell'interesse di tutti i lavoratori e le lavoratrici del comune di Sesto San Giovanni, e non mancheremo di portare al tavolo, come sempre fatto finora, proposte che vadano in questa precisa direzione”. Ora l’ultima parola spetta al Tribunale. (aa)
angela.amarante | 12 marzo 2019, 08:40
< Torna indietro